I prezzi esposti sono IVA inclusa.

COME FARE UN NODO ALLA CRAVATTA

Secondo una ricerca della Cambridge University al mondo ci sono almeno 85 modi diversi di fare un nodo alla cravatta. Semplice o elegante, creativo o tradizionale, il “tie knot” rappresenta molto dello stile di un uomo, un biglietto da visita che passa anche dalla naturalezza con cui si è in grado di scegliere e indossare uno degli accessori caratteristici nella definizione del proprio look. Alcuni uomini preferiscono puntare tutto sulla simmetria, mentre altri, al contrario, amano nodi asimmetrici.

I nodi più diffusi e utilizzati sono quattro.
Il nodo semplice (o Four in Hand), il Pratt, l'Half-Windsor e il Windsor.
Per scegliere a quale tipologia di nodo affidarsi può innanzitutto essere importante effettuare alcune valutazioni di base, e cioè a dire verificare le proprie preferenze specifiche e le caratteristiche fisiche in merito a questi punti, determinanti per la scelta del nodo più incline alle nostre tendenze:

  • La compatibilità del nodo con la lunghezza del collo
  • La dimensione del nodo
  • La forma del nodo
  • La simmetria del nodo
  • Il rapporto fra nodo e collo della camicia
  • Come cade la cravatta sul corpo
Cominciamo con il semplice, o Four in Hand
Si tratta del più classico fra i nodi per cravatta, creato in Inghilterra nel 1856. In molti conoscono questa tipologia di “knot” anche come “nodo da scuola”, visto che in Gran Bretagna è proprio questo il nodo che viene proposto ai ragazzi quando viene richiesto di indossare una cravatta. Inoltre, si tratta di un nodo molto spesso utilizzato dalla famiglia reale britannica. Dal punto di vista estetico, fra i punti di forza del Four in Hand non vi è certo la simmetria, quanto piuttosto un tocco personale e la grande facilità di utilizzo con tutte le tipologie di colletto. Ricapitolando, il nodo semplice o Four in Hand è utile per chi:
  • Ha un collo più corto
  • Vuole dare un tocco asimmetrico al proprio look
  • Veste con un colletto delle camicia standard
  • Preferisce un nodo un po' sporgente verso fuori
  • Tende a un look classico, elegante e un po' all'antica
Il secondo nodo della lista è il cosiddetto Pratt.
Tutto è iniziato nel 1966, quando il novantenne Jerry Pratt, durante una trasmissione televisiva, spiegò in diretta come realizzare un nodo perfettamente simmetrico e proporzionato. Da allora questa maniera di legare la propria cravatta è conosciuta come “Pratt”, e prevede l'inserimento della coda della cravatta direttamente durante il nodo, così da avere un effetto dinamico e pulito. Il Pratt è un nodo di dimensioni medie, utile per chi:
  • Fa molta attenzione alla simmetria del nodo
  • Pone molta attenzione alle proporzioni
  • Veste un camicia con colletto molto ampio collari spalancate
  • Ha un look molto preciso e bilanciato
Forse meno utilizzato dei due presentati poco sopra, è il cosiddetto mezzo Windsor, o Half Windsor. Si tratta di un nodo che affonda le proprie radici nella nobile famiglia inglese Windsor (vedi poco sotto spiegazione completa) e che ha raggiunto grande popolarità grazie alla semplicità tecnica della sua esecuzione e alla vestibilità trasversale. Si tratta infatti di un nodo di medie dimensioni che funziona con la maggior parte dei colletti, classico ma con un tocco di creatività. Il nodo Half Windsor è l'ideale per chi:
  • Ha una corporatura alta e slanciata
  • Indossa una cravatta dal tessuto leggero
  • Non è troppo formale
  • Preferisce un nodo triangolare e di dimensioni medie
  • Sceglie un look tradizionale e affidabile
L'ultimo nodo della lista è forse il più conosciuto: il Windsor Knot.
Si tratta di uno dei nodi più antichi e famosi al mondo, presumibilmente inventato da George V, padre del del duca di Windsor e utilizzato oggi dalla UK Royal Air Force, il corpo aeronautico militare britannico. La caratteristica principale di questo nodo è quella di prediligere cravatte realizzate con tessuti più spessi e dalla lunghezza molto estesa. Il nodo Windsor prevede infatti numerosi passaggi e ha quindi bisogno di parecchio tessuto se non si vuol rischiare di restare con una cravatta ferma a mezz'altezza sul busto.
Il nodo Windsor è particolarmente indicato per chi:
  • Fa molta attenzione alla simmetria
  • Ama le cravatte lunghe
  • Preferische tessuti più spessi
  • Ha un fisico muscoloso o comunque robusto
  • Vuole presentarsi con un piglio stilistico sicuro e deciso